Star Trek Enterprise NX1313A

post

Premessa

Sono sempre stato un grande appassionato dell’universo cinematografico di Star Trek.
Da quando ho iniziato a sperimentare con la stampa 3D FDM, l’idea di realizzare qualcosa di concreto ispirato alla mitica USS Enterprise NCC-1701-E mi ha entusiasmato.
Le navi stellari della Federazione (in particolare quelle di generazione “recente”), hanno linee generali ben definite, ma nel contempo anche morbide e fluenti.
Gli strumenti che ho utilizzato fino al 2015 per la progettazione 3D però non hanno le funzioni necessarie per raggiungere un risultato soddisfacente, e quindi questo progetto è rimasto nella mia wishlist personale per lungo tempo.
Nel 2016, per ragioni professionali ho dovuto imparare ad utilizzare Autodesk Fusion 360, che offre appunto questo genere di funzioni (modalità “sculpt”).
Una volta fatta un po’ di pratica, ho quindi cercato di realizzare un semplice modello stampabile, in qualche modo ispirato alla USS Enterprise NCC-1701-E.

Il nome

Il nome del modello “Enterprise NX1313A” è puramente inventato, proprio perché il tentativo non era quello di ridisegnare qualcosa di esistente, ma di ideare un oggetto nuovo, inedito.
Come da tradizione “trekker”, ho utilizzato il prefisso “NX”, che sta ad indicare una classe sperimentale di navi

L’ispirazione di base

Come detto, l’ispirazione di base deriva dal modello “E” della USS Enterprise (NCC-1701), senza però l’ambizione di spingere i dettagli strutturali ad un livello di realismo assoluto (magari se ne riparlerà in una prossima revisione del modello).

Quello che mi interessava era sperimentare con le forme, ed arrivare ad un qualcosa di equilibrato, aggraziato, ed in linea di massima “strutturalmente consistente”.

Il design della nave

Dopo qualche ora di sperimentazione, sono arrivato a quella che mi sembrava essere una sagoma soddisfacente, interessante.

Modello 3D della nave

Utilizzando il mouse è possibile ruotare e zoomare il modello, ed osservarlo quindi da diverse angolazioni.
Per ragioni di performance, il modello rappresentato di seguito ha una bassa definizione.

Il piedistallo

Una nave, per essere esposta, ha bisogno di un piedistallo.
Ispirandomi al logo della Federazione, ho creato un piedistallo di dimensioni e proporzioni adeguate.

 

Modello 3D del piedistallo

Utilizzando il mouse è possibile ruotare e zoomare il modello, ed osservarlo quindi da diverse angolazioni.
Per ragioni di performance, il modello rappresentato di seguito ha una bassa definizione.

Assieme

Nave e piedistallo, vengono assemblati come illustrato di seguito

 

Stampa 3D

La realizzazione di entrambi i modelli è stata fatta tramite l’ausilio di stampa 3D FDM e tanta, tanta finitura manuale accompagnata da un’infinita dose di pazienza.
Il processo di stampa 3D di per sè è solo la punta dell’iceberg, in quanto un buon 90% del tempo necessario è stato impiegato in

  • Finitura e rimozione delle sbavature
  • Incollaggio
  • Stuccaggio
  • Carteggiatura, carteggiatura, carteggiatura
  • Verniciatura

Le dimensioni della nave sono di circa 45cm x 17cm

 

Incollaggio, stuccaggio, carteggiatura, e tanta, tanta pazienza

Il processo di finitura è ciclico: ogni qual volta si va a carteggiare il modello, emergono nuove imperfezioni, che vanno stuccate e nuovamente carteggiate… fino al raggiungimento del risultato qualitativo desiderato.
Per ottenere un risultato migliore, dopo il ciclo stuccaggio/carteggiatura, segue il ciclo verniciatura/carteggiatura, che permette di arrivare ad una superficie liscia ed estremamente regolare.

Verniciatura della nave

Per questo modello ho scelto un colore totalmente fuori dall’ordinario.
L’idea era quella di realizzare una sorta di “simil-bronzo”, come se il tutto fosse stato realizzato tramite una fusione metallica.
Per ottenere l’effetto (che purtroppo in queste foto non rende molto), ho usato una combinazione di fondo nero, oro metallizzato, ed una copertura nera opaca finemente polverizzata.

Realizzazione del piedistallo

Il piedistallo è stato realizzato tramite lo stesso processo che ha portato alla realizzazione della nave.
Anche in questo caso, pazienza e precisione sono indispensabili.

 

Verniciatura del piedistallo

Per il piedistallo mi sono orientato per un nero opaco classico, attenendomi al tema ricorrente dei modelli disponibili in commercio.

 

Assieme completo

La nave è libera di ruotare attorno all’asse del basamento, in maniera tale da poterla posizionare al meglio in funzione del luogo in cui la si espone

Le “sorelle”

Per quanto si tratti di un primissimo e semplice prototipo, sono piuttosto soddisfatto di come si inquadra assieme alle “sorelle maggiori”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *